Fedora



Questi driver ATI erano molto attesi dalla comunità Linux per il loro supporto ad AIGLX e quindi la possibilità di utilizzare Compiz, eventualmente Fusion, (o Beryl) senza dover installare XGL!!!

I Driver (per la precisione versione 8.42.3) sono arrivati! Non ho ancora avuto tempo di provarli… Penso aspetterò di finire un importante lavoro per cui ho bisogno della scheda video…

AGGIORNAMENTO (15-nov-2007): Ho provato i driver su una ATI Radeon X600.. in fondo per le mie impressioni.

E il prossimo mese è attesa la versione 8.43 che dovrebbe includere ciò che manca in questa!

Intanto però vi spiego cos’hanno di nuovo questi driver e cosa ancora manca loro!

Novità

  • Supporto AIGLX (13 mesi dopo nVidia ma ci siamo arrivati)
  • supporto a Xorg 7.3 / server 1.4
  • correzione ad un bug nel TexturedVideo playback che incrementa le prestazioni del playback rendendo più fluidi i video
  • incremento generale delle prestazioni
  • sistemato qualche bug. In particolare il problema per i possessori di un Rialto AGP Bridge dovrebbe essere risolto (se così non è segnalate qui il bug)
  • Il driver è testato per chipset dall’R300 all’R600. Quindi si tratta di schede Radeon fino alle più recenti!
  • miglioramenti all’AMD Catalyst Control Center (AMDCCCLE) – vedere immagini in basso

Cosa non c’è

  • Non c’è il supporto al kernel 2.6.23 per ora, atteso per la prossima release! Attenzione quindi 🙂 (il supporto a questo kernel manca per un problema riscontrato con l’architettura x86_64)
  • Non include il supporto alla serie FireGL
  • la compatibilità con le workstation dovrebbe essere aggiunta il prossimo mese
  • ancora qualche bug con Compiz (leggere dopo x i dettagli)

Dettagli

(altro…)

Annunci

L’esperto di sicurezza markmcb di OmniNerd ha testato la vulnerabilità ad exploit remoti dei più comuni sistemi operativi [EN]

I sistemi sono stati testati senza previa configurazione, ovvero “as is” appena installati e dopo aver applicato le ultime patch ma senza comunque andare a configurare alcunché od installare software “in aggiunta”.

Per gli inesperti in fondo a questo articolo scriverò delle chiavi di lettura per aiutarvi a comprendere l’articolo sulle vulnerabilità che ho citato

I sistemi testati sono

  • Microsoft Windows XP (SP1, SP2, Ultime patch di sicurezza)
  • Microsoft Windows Vista (ultimate)
  • Microsoft Windows Server 2003
  • Apple Mac OS Classic (9 – 1999)
  • Apple OS X 10.4 Server
  • Apple OS X 10.4 Tiger
  • FreeBSD 6.2
  • Sun Solaris 10
  • GNU/Linux Fedora Core 6
  • GNU/Linux Slackware 11.0
  • GNU/Linux SUSE Enterprise 10
  • GNU/Linux Ubuntu 6.10 (Desktop/Server)

(altro…)