ottobre 2007



PulseAudio è, come esound, un server audio con caratteristiche di mixing :). Un server audio si occupa di gestire l’accesso a una o più schede audio fornendo diverse caratteristiche aggiuntive e non presenti nella scheda audio.

PulseAudio offre rispetto agli altri server, ed in particolare ad esound, una gamma molto più ampia di caratteristiche! Si tratta di un progetto multipiattaforma esistente da un po’ anche se per ora erano richieste più capacità di quelle di un utente comune per riuscire a installarlo e integrarlo nel sistema in uso (Gnome o KDE)

Le cose stanno per cambiare a quanto pare: presto tutti i sistemi Gnome includeranno PulseAudio di default permettendo comunque di scegliere se si vuole “restare” con esound.

Tra le caratteristiche principali di PulseAudio:

(altro…)


Il mio Asus A4K ha appena tirato le cuoia…

di ritorno dall’allenamento l’ho trovato spento…

all’accensione dopo il bios si spegne tutto e due led lampeggiano

quindi si spegne del tutto

Penso ne acquisterò uno nuovo…

Sono ben accetti consigli…

I requisiti sono: Compatibilità ~100% con Linux, buone prestazioni… Scheda video ATI o nVidia (non so decidermi fra queste due! Sarei per la nVidia ma ora che ATI ha rilasciato le specifiche e iniziato a fare driver decenti…. non so proprio che scegliere!)

Inoltre mi serve un modo per leggere “esternamente” un disco di un portatile…

quindi qualcosa tipo cassetto esterno usb per dischi da 2.5 pollici… anche qui consigli sono ben accetti…

Che sfiga!

Marche preferite: Lenovo, Dell, Toshiba, altri consigli?

Prezzo… hum.. diciamo che per un prodotto migliore sono disposto a spendere anche di più… ma non oltre i 2000 € preferibilmente… se fosse sui 1500 € meglio 😀


Google stupisce ancora tutti e si dimostra avanti come servizi internet offerti rispetto a tutti i suoi avversari!

L’IMAP è un protocollo di comunicazione per la ricezione delle email! Come POP3 ma con funzionalità che lo rendono più adatto ad aziende o a chi ha necessità di consultare l’email da più postazioni diverse!

Non esiste nessun altro servizio gratuito che fornisca IMAP al momento! (Ma non esisteva neanche un client email bello come gmail)

Volete sapere qual’è la più grossa utilità di IMAP rispetto a POP3 ?

(altro…)


Questi driver ATI erano molto attesi dalla comunità Linux per il loro supporto ad AIGLX e quindi la possibilità di utilizzare Compiz, eventualmente Fusion, (o Beryl) senza dover installare XGL!!!

I Driver (per la precisione versione 8.42.3) sono arrivati! Non ho ancora avuto tempo di provarli… Penso aspetterò di finire un importante lavoro per cui ho bisogno della scheda video…

AGGIORNAMENTO (15-nov-2007): Ho provato i driver su una ATI Radeon X600.. in fondo per le mie impressioni.

E il prossimo mese è attesa la versione 8.43 che dovrebbe includere ciò che manca in questa!

Intanto però vi spiego cos’hanno di nuovo questi driver e cosa ancora manca loro!

Novità

  • Supporto AIGLX (13 mesi dopo nVidia ma ci siamo arrivati)
  • supporto a Xorg 7.3 / server 1.4
  • correzione ad un bug nel TexturedVideo playback che incrementa le prestazioni del playback rendendo più fluidi i video
  • incremento generale delle prestazioni
  • sistemato qualche bug. In particolare il problema per i possessori di un Rialto AGP Bridge dovrebbe essere risolto (se così non è segnalate qui il bug)
  • Il driver è testato per chipset dall’R300 all’R600. Quindi si tratta di schede Radeon fino alle più recenti!
  • miglioramenti all’AMD Catalyst Control Center (AMDCCCLE) – vedere immagini in basso

Cosa non c’è

  • Non c’è il supporto al kernel 2.6.23 per ora, atteso per la prossima release! Attenzione quindi 🙂 (il supporto a questo kernel manca per un problema riscontrato con l’architettura x86_64)
  • Non include il supporto alla serie FireGL
  • la compatibilità con le workstation dovrebbe essere aggiunta il prossimo mese
  • ancora qualche bug con Compiz (leggere dopo x i dettagli)

Dettagli

(altro…)


Mi limito a riportare questo articolo del partito pirata perché contiene già tutto il necessario e mi permette di aiutare sia con il googlebombing che invitare la gente a fare la stessa cosa e a firmare la petizione!

NOTA IMPORTANTE!

è in giro un altra petizione (su firmiamo.it) oltre a quella consigliata qu: NON la firmate perché su firmiamo.it quando firmate date il consenso a mandarvi pubblicità!!! (dicesi SPAM) Potete sempre fidarvi invece di petitiononline..

Blogger e possessori di un sito web di tutta Italia.. proseguite la lettura e fate la stessa cosa che ho fatto io

(altro…)


Spero non ci sia nessuno che non sappia di cosa si tratta… Se non lo sapete rimediate al più presto partendo da questo sito internet che è sempre nel mio blogroll!

In poche parole il Trusted Computing è una tecnologia studiata per levare il controllo all’utente su quello che ha comprato e consegnarlo in mano a multinazionali del software o major della musica o dei film.

Oggi su Punto Informatico c’è un articolo veramente stupendo che fa il punto della situazione!

Sono 3 pagine che invito tutti a leggere! Se pensate di non essere interessati perché non siete informatici o “non capito molto di informatica” vi sbagliate! Quando andate a comprare un televisore, un decoder, un lettore dvd, un mp3, un computer, un cellulare o qualunque altro oggetto che possa gestire dei flussi multimediali state acquistando qualcosa che un giorno può ritorcervi contro di voi!

L’articolo è diviso in 3 parti:

  1. Punto della situazione (per ora, grazie anche all’informazione che è stata fatta sul Trusted Computing, siamo ancora “salvi”)
  2. Cos’è stato fatto (Nessuna tecnologia pericolosa è ancora stata utilizzata ma intanto ce la vendono silenziosamente)
  3. Probabili sviluppi futuri (Leggasi: non ti vendono qualcosa pensando di non utilizzarlo….)

Non fermatevi alla prima pagina! È un articolo molto interessante che tutti dovrebbero leggere!

Consigli per chi volesse “salvarsi”

Non c’è molto che si può fare, le cose importanti sono nell’ordine:

(altro…)


Da circa un mese sto imparando ad usare Gimp (The GNU Image Manipulation Program): il software di foto ritocco libero. Gimp si pronuncia “Ghimp” anche se noi italiani tendiamo a chiamarlo “gimp”. Io stesso nel filmato mi sono lasciato sfuggire un “gimp”, chiedo venia!

Esempio dei risultati

Ecco un esempio dei risultati che potete ottenere

Questo vuole essere il primo semplice tutorial di tanti che seguiranno in futuro, tempo permettendo.

[EDIT]
Qui si descrive una tecnica manuale (e non solo) per la rimozione occhi rossi, spesso il Filtro “rimuovi occhi rossi” di gimp è sufficiente per i pigri, si trovano moltissimi tutorial di quest’ultimo.. Qui imparerete a farlo a mano e forse imparerete anche qualcosa di più sulle tecniche di fotoritocco
[/EDIT]

Il tutorial comprende anche un video per i più pigri 🙂

Invece per chi sà già muoversi con Gimp e non è interessato a tutti gli spiegoni sulla teoria che ci sta dietro ecc ecc… può andare in fondo all’articolo e troverà la spiegazione dei passi essenziali 🙂

(altro…)