Ieri sera un mio amico mi ha detto: “Tu affermi che linux è facile, ma poi io vedo sul tuo blog un sacco di guide con strane scritte che non capisco.. e mi passa la voglia di provarlo…

Mi è quindi venuta voglia di dare qualche chiarimento. Linux È facile! Ma richiede qualche accorgimento in più (almeno ad oggi), prima di acquistare una semplice ricerca su google può dirvi cosa è compatibile “out of the box” e cosa no, o cosa richiede un ulteriore lavoro. Non è necessario spaventarsi di fronte a guide come la mia, e spiegherò fra poco il perché; il mondo del software libero ha una comunità enorme pronta ad aiutare chi ha dei problemi.

Ma vediamo questi codici incomprensibili.. Per farlo prendo la mia stessa guida sull’installazione dello scanner in una stampante multifunzione.

Chiarimento: le guide su linux in genere contengono tutti questi “codici incomprensibili” anche se esistono altri modi più “user friendly” per far le stesse cose.. Per intenderci, come trovate la guida su windows che dice: clicca qui – clicca lì. Su linux c’è la possibilità invece di fare tutto (e anche di più) da console, è più veloce da spiegare piuttosto che dire clicca qui – clicca lì, permette di capire meglio come funzionano le cose a chi ne è interessato e può aiutare anche chi ha problemi simili ma non uguali, ad esempio la mia guida sullo scanner può essere usata anche da chi ha altri tipi di scanner usb.. ecco perché si preferisce utilizzare questo mezzo. Seguendo le istruzioni passo passo si ottiene comunque l’obiettivo, e chi non è capace a seguire le istruzioni probabilmente è lo stesso che chiede aiuto ad un amico “esperto” per farsi installare windows o un programma, quindi non ci vedo differenze.

Infine un’ultima considerazione: scrivere una guida con comandi da terminale risulta leggibile anche da qualcuno che non comprende la lingua, i comandi sono universali!

Nella guida per prima cosa vi dico di installare gimp-print e xsane, sono 2 programmi, e vi dico di farlo in questo modo:

su
apt-get install gimp-print xsane

oppure (su ubuntu)

sudo apt-get install gimp-print xsane

da un terminale

non capite cosa significa? vuol dire: “carissimo gestore dei pacchetti, di Debian (o Ubuntu), perfavore installami i programmi gimp-print e xsane

avrei anche potuto dirvi:

installazione gimp-print

  1. aprite il programma “gestore di pacchetti” e mettete la vostra password quando richiesto
  2. cliccate su “cerca”
  3. cercate il pacchetto gimp-print
  4. cliccate con il destro sul pacchetto gimp-print e selezionate marca per l’installazione se il pacchetto non è già installato! (ingrandite l’immagine)
  5. ora cliccate di nuovo su “cerca” e cercate xsane
  6. cliccate con il destro sul pacchetto xsane e selezionate marca per l’installazione se il pacchetto non è già installato!
  7. cliccate applica e aspettate che finisca

come vedete questo metodo è tutto grafico.. e non richiede di scrivere “strane cose” al terminale, per certi versi è esattamente come le guide su windows… però abbiate pazienza… ma si fa prima a dirvi: aprite un terminale e da root (comando su / sudo) scrivete: apt-get install gimp-print xsane

è molto + veloce che scrivere quella pappardella qui sopra! E se ci pensate non è difficile.. basta fare esattamente quanto detto in entrambi i casi!

  • verificate innanzi tutto che lo scanner sia rilevato: da terminale lanciate sane-find-scanner (fatelo da root per esser sicuri del risultato)

dovreste ottenere qualcosa tipo:

found USB scanner (vendor=0x04b8 [EPSON], product=0x080e [USB MFP]) at libusb:001:003

non è l’unica scritta che vi restituirà quel comando ma dovrebbe esserci anche questa. Notate i 2 codici in grassetto, identificano il vostro Scanner! Per la Epson CX 3650 avrete sempre quei 2 codici

allora..

vi sembra difficile?

dovete:

  1. aprire un terminale
  2. scrivere: sane-find-scanner
  3. vedere se trovate la scritta che io vi ho riportato in quel che esce
  4. fine

di guide come questa è pieno! Seguendole senza capirci nulla si ottiene comunque il risultato.. Se avete ottenuto quella stringa significa che lo scanner è rilevato! Ora ci sono piccole modifiche per farlo funzionare.

L’alternativa era dirvi: aprite xsane (il programma per scannerizzare), se vi entra senza darvi errori allora lo scanner è stato identificato, e se cercate nelle finestre ne vedrete anche il nome! Pero non funzionerà se provate a lanciare la scannerizzazione.

In questo caso dirvi di farlo da terminale vi serve per farvi capire che quei 2 codici non piovono dal cielo.. il che rende la procedura utile anche per chi non avesse lo stesso scanner!

poi proseguo:

  • da root editate /etc/sane.d/epson.conf

aggiungete questa riga

usb 0x04b8 0x080e

e togliete il commento dalle 2 righe seguenti

usb /dev/usbscanner0

usb /dev/usb/scanner0

allora.. qui dovete aprire un file di testo e scriverci quello che io vi ho detto

prendo il file di testo in questione e lo ricopio qui (nel suo stato originale) così che possiate vedere che non è così difficile

# epson.conf
#
# here are some examples for how to configure the EPSON backend
#
# SCSI scanner:
scsi EPSON
# for the GT-6500:
scsi “EPSON SC”
#
# Parallel port scanner:
#pio 0x278
#pio 0x378
#pio 0x3BC
#
# USB scanner:
# There are two different methods of configuring a USB scanner: libusb and the kernel module
# For any system with libusb support (which is pretty much any recent Linux distribution) the
# following line is sufficient. This however assumes that the connected scanner (or to be more
# accurate, it’s device ID) is known to the backend.
usb
# For libusb support for unknown scanners use the following command
# usb <product ID> <device ID>
# e.g.:
# usb 0x4b8 0x110
# And for the scanner module, use the following configuration:
#usb /dev/usbscanner0
#usb /dev/usb/scanner0

potreste dirmi che sarebbe più utile se ci fosse un programma grafico per fare questa cosa, potrei anche darvi ragione ma nessuno lo ha ancora scritto (per quanto ne so) e quindi dovrete seguire questa procedura

è abbastanza semplice credo capire che il file risultante debba essere qualcosa come questo

# epson.conf
#
# here are some examples for how to configure the EPSON backend
#
# SCSI scanner:
scsi EPSON
# for the GT-6500:
scsi “EPSON SC”
#
# Parallel port scanner:
#pio 0x278
#pio 0x378
#pio 0x3BC
#
# USB scanner:
# There are two different methods of configuring a USB scanner: libusb and the kernel module
# For any system with libusb support (which is pretty much any recent Linux distribution) the
# following line is sufficient. This however assumes that the connected scanner (or to be more
# accurate, it’s device ID) is known to the backend.
usb
# For libusb support for unknown scanners use the following command
# usb <product ID> <device ID>
# e.g.:
# usb 0x4b8 0x110

usb 0x04b8 0x080e
# And for the scanner module, use the following configuration:
usb /dev/usbscanner0
usb /dev/usb/scanner0

a questo punto vi basta riavviare per avere il vostro scanner funzionante.. (in realtà basta staccare e riattaccare la stampante dal computer.. ma riavviando siete sicuri)

quel che segue sono informazioni che possono esservi utili anche se così non dovesse funzionare.

Considerate che anche su windows le configurazioni sono fatte in un modo “simile” ma che per windows voi trovate un cd assieme alla vostra stampante/scanner che vi basta installare.. un giorno, se lassù qualcuno vorrà, i produttori di hardware inizieranno a fare questi benedetti cd anche per Linux.

Linux lo potete provare su LiveCD! Senza toccare il vostro disco, questo significa che potete vedere com’è e come funziona senza problemi di sorta. Se poi decidete di installarlo (fate una copia di backup dei vostri dati, non si sa mai) non dovete rinunciare ad usare windows, all’avvio vi verrà richiesto se volete accedere a linux o a windows! I motivi son tanti per fare almeno un tentativo.

Infine avrete notato l’abominevole guida per il mio notebook.. Questa è effettivamente più complessa, anche se seguendola passo passo otterreste il risultato voluto, considerate che quel portatile io l’ho acquistato senza pensare a Linux (stupidamente) e ho scoperto dopo che era meglio orientarsi altrove.. Ha molti difetti anche su altre cose senza utilizzarlo con linux, e anche questo lo avrei scoperto se avessi fatto PRIMA una breve ricerca su internet del tipo: “asus a4k linux”.